Mebosint

Oggi giorno essere un M.E.B.O.S.I.N.T. (Maschio Eterosessuale Bianco Occidentale Sano Incensurato Non Tossico) ti rende destinatario del trattamento PPBS (Puoi Pure Buttare il Sangue).

Commenti

  1. Però Giuby, non è che i maschi rom, albanesi, malati, pregiudicati e tossici, siano trattati molto bene dalla femmine bianche occidentali.

    RispondiElimina
  2. Non capisco cosa c'entrino le femmine bianche occidentali...

    RispondiElimina
  3. Volevo dire che siccome, un buon parametro per valutare il grado di accettazione della società nei confronti di un maschio, è il suo rapporto con le femmine..specie in questa società Veginocentrica, allora quelle categorie da me citate non è che navighino nell' oro. E cmq anche se leviamo questo paramentro comunque le suddette categorie da me citate non è che se la spassino bene.

    RispondiElimina
  4. Non navigano nell'oro però i portatori di handicap hanno diritto ad appositi trattamenti per essere inseriti in società, gli ex galeotti pure, e così anche i tossici e spesso gli extracomunitari e via dicendo.
    Il rapporto con le femmine c'entra poco, c'entra invece essere titolari di alcuni diritti, di attenzioni varie che possono aiutare a farsi una vita.
    Tutto questo invece i MEBOSINT non ce l'hanno, nessuno se li caga e devono arrangiarsi.

    RispondiElimina
  5. Giuby, il rapporto con le femmine c'entra. Ricorda che viviamo in una dittatura Uterocratica.
    Per quanto riguarda gli ex detenuti..non saprei..forse se intendi i corrotti..sì..ma prendiamo gli ex detenuti per violenza sessuale(sempre che riescano ad uscire vivi dalla galera,,sia per questioni di età che di torture e linciaggi da parte degli altri detenuti)..per loro la vita è finita, vengono messi al bando dalla società(licenziati e se vivono in una casa popolare vengono sfrattati).

    RispondiElimina
  6. Per avere una propria vita non c'è bisogno di femmine ma di un'indipendenza economica che oggi diventa sempre più difficile e precaria.
    Le categorie cosiderate a torto o a ragione "svantaggiate" (donne, gay, travestiti, drogati, delinquenti, handicappati e via dicendo) attirano una certa attenzione da parte di media, politici e operatori sociali vari (con diversi risultati e conseguenze), i mebosint invece no, vengono ignorati perché considerati "privilegiati".
    Un tipo che abita dalle mie parti è stato in galera per del tempo per non so cosa e quando è uscito ha frequentato un corso per ex detenuti e ha avuto un posto al comune. A me e a tanti ragazzi come me chi lo dà il posto al comune?
    Una coppia di omosessuali ad Aversa fu "sposata" dal sindaco e, sempre il comune, cercò loro un lavoro, un lavoro decente e a contratto s'intende. Io e tanti altri il lavoro ce lo siamo cercati da soli senza l'aiuto di nessuno e abbiamo sempre trovato lavori di merda a nero e supersottopagati.
    So di uomini accusati di reati a sfondo sessuale messi al bando ma non di ex detenuti. Ma può darsi che vi sia un discrimine per quanto riguarda i reati per cui si è stati in galera, non saprei.

    In ogni caso oggi un maschio italiano medio per avere qualche briciolo di diritto o deve mutilarsi o deve drogarsi o andare in galera.
    Questo non vuol dire che altri stiano molto meglio ovviamente. Anzi mi sa che il 95 per cento e passa degli esseri umani di tutti i tipi sulla faccia della terra sta nella merda. Ma c'è chi è più ignorato degli altri.

    RispondiElimina
  7. Se ho parlato delle femmine, in quanto super privilegiate(solo diritti e niente doveri), un buon rapporto con loro e ai loro capricci ti garantisce un esistenza serena(prima di buttarti di casa nel fatidico e inevitabile giorno del divorzio). Godere dei favori della Fica da accesso anche gli altri diritti
    Per quanto riguarda le categorie svantaggiate, io non metterei sullo stesso piano le donne e la lobby gay con i disabili(che i problemi ce l'hanno veramente e meritano di essere tutelati).
    Per quanto riguarda i detenuti,esiste effettivamente un discrimine tra i vari reati, ad esempio quelli condannati per violenza sessuale anche dopo scontata la pena vengono trattati come gli Ebrei nell' europa occupata dai nazisti.
    Se i Mebosint vengono ignorati è perchè in questa società nessuno se ne frega un cazzo degli altri. E' chiaro che quindi l'attenzione ricade solo sui più svantaggiati(quelli veri, e quelli falsi). La vita è una guerra.

    RispondiElimina
  8. Il rapporto con le femmine è importante per chi ci convive e/o dà loro importanza non per chi se ne frega altamente di loro.
    C'è solo da dire che oggi ho l'impressione che pure per avere uno straccio di lavoro spesso devi entrare nelle "simpatie" di quelche fica che aleggia a vario titolo nell'ambiente del lavoro che cerchi. Ma forse è solo una mia impressione, non posso affermarlo con certezza. Però il fatto che nelle agenzie di lavoro ci sono qusi tutte donne... mah, vabbe' lasciamo perdere va.

    Io non metto sullo stesso piano nessuno e non dico che la gente non abbia dei problemi, né sto dicendo che le persone di varie categorie non debbano avere dei diritti, anzi ho detto esattamente il contrario. I problemi bene o male ce li hanno tutti e tutti hanno diritto a una vita serena e decorosa, mebosint compresi.
    Dico però che certe categorie attirano e "meritano" l'attenzione di media e società mentre invece i mebosint no, è come se il fatto di essere mebosint sia una "garanzia" di benessere e serenità.

    Ma come fanno gli ex detenuti a essere licenziati? Se sono usciti di galera al massimo non vengono assunti. Poi non so, come non so com'erano trattati gli ebrei nell'europa nazista, sono nato circa trent'anni dopo...

    RispondiElimina
  9. Capisco ciò che dici, il problema è che noi Mebosint(attenzione..quella "s" potrebbe sparire da un momento all'altro..la natura è matrigna!) siamo tascurati e fottuti da parte di altri Mebosint!!! la vita è guerra! nessuno se ne frega un cazzo degli altri, ognuno pensa a sopravvivere a questa guerra con i mezzi che ha, esattamente come nei Lager nazisti(il mondo di oggi è un Lager nazista a cielo aperto, le cui SS sono rappresentate da certe donne moderne arroganti più i loro zerbini maschi, con la mansione di Kapos)!

    Per quanto riguarda gli ex detenuti per violenza sessuale, mi spiego meglio. Come ben sai, un ex detenuto può sempre ritrovare un lavoro, anche nei posti statali e rifarsi quindi una vita. Ciò vale ancora, ma eccetto per i reati sessuali(anche se solo una pacca sul culo) in forza di una legge approvata due anni fa che interdice perpetuamente dai pubblici uffici(e quindi causa anche un licenziamento) le persone che hanno sulla fedina penale una condanna per violenza sessuale..in poche parole...questa normativa viene applicata RETROATTIVAMENTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Noi Mebosint ce la passiamo pure male, ma i MSCVS(Maschi Sfigati Condannati per Violenza Sessuale) se la passanno ancora peggio, peggio anche degli assassini!

    RispondiElimina
  10. C'è sempre chi sta peggio degli altri. Gli africani muoiono di fame se è per questo. Ma ciò non vuol dire che gli altri stiano bene.

    Ah, altra nota: Nogaro, il "mitico" vescovo di Caserta, persona molto attenta alle questioni sociali, ha istituito tutta una serire di aiuti per gli immigrati al fine di farli integrare nella società e farsi una vita. Ne evinco che gli italiani possono pure crepare per lui. Ora il suo non è razzismo forse?

    RispondiElimina
  11. Dato il tuo Qualunquismo, avevo letto in questo termine "mebosint" una sfumatura nazistoide. ma ora capisco ciò che volevi dire. Però, a questo gli aggiungerei un' altra "s"...per "Sfigato", in quanto anche i maschi alfa(ad es. berlusconi) possono essere Mebosint..Quindi, direi.. M.E.B.O.S.S.I.N.T

    p.S: Raffaele Nogaro? pensavo che avendo compiuto 75 anni, non fosse più vescovo. Comunque avete un ottimo vescovo, il fatto che si occupi solo di immigrati e non di mebosint..non è che che gli altri vescovi, poi, facciano di meglio.

    RispondiElimina
  12. Ovviamente mi riferisco ai mebosint comuni, quelli del popolo, che poi sono il 95% e passa dei mebosint. Ci sono anche africani ricchi ma sono pochini.

    Nogaro non lo conosco, mai avuto a che fare, ma io credo che chi vuole aiutare i bisognosi non dovrebbe fare discrimini ma fondarsi sui bisogni della gente indipendentemente dalla "categoria" a cui appartiene.

    RispondiElimina
  13. Tra l'altro nella tua lettura "nazistoide" (che cosa poi c'entra il qualunquismo col "nazistoismo" non so...) ci vedo un sintomo chiaro dei tempi che corrono e di ciò che dico: si è razzisti verso i neri ma discriminare i bianchi non è razzismo, si è sessisti verso le donne ma discriminare gli uomini non è sesssismo.
    Anzi chi denuncia forme di razzismo verso i bianchi (simili o diverse da quelle denunciate verso i neri) è razzista o "nazistoide", così come chi denuncia forme di sessismo verso gli uomini (simili o diverse da quelle denunciate verso le donne) è maschilista e misogino.

    RispondiElimina
  14. No, non sto dicendo che il qualunquismo sia assimiliabile a sentimenti nazistoidi, ma che talora ideologie reazionarie possano derivare da umori qualunquistici. Non è il tuo caso ovviamente anche perchè vi è anche un Qualunquismo molto più razionale-come nel tuo caso- e non discendente da umori isterici.

    Per quanto riguarda il parallelismo tra donne e neri non sono molto d'accordo. Le donne sono superprivilegiate, mentre i neri, almeno a livello giuridico e sociale non credo che siano molto favoriti. Il razzismo contro i neri, anche a livello politico istituzionale, può esistere. Invece la misoginia non esiste, se non a livello emotivo di qualche singolo individuo..figuriamoci se esiste a livello istituzionale.Noi viviamo in una Uterocrazia, non certo in una Negrocrazia.

    RispondiElimina
  15. Icarus distinguiamo: io non faccio parallelismi sulle CONDIZIONI in cui versa Tizio/a o Caio/a, perché bene o male i problemi li abbiamo tutti chi più e chi meno, io sottolineo la percezione distorta e unilaterle che c'è oggi di massima sui concetti di "razzismo" e di "sessismo", sarebbe a dire il fatto che viene percepito il razzismo e il sessismo solo in un lato e non nell'altro.

    RispondiElimina
  16. Beh, mi trovo d'accordo con te.
    Il fatto che ci siamo messi così tanto tempo è dovuto alla nostra diversa concezione della società. Tu sei un Qualunquista, io un Anarchico e Anti Sistema.

    RispondiElimina
  17. Qualche punta anarchica ce l'ho anche io, però non prendo mai partito per niente e per nessuno. Preferisco rimanere il più possibile su posizioni distaccate ed equidistanti.

    RispondiElimina
  18. MAEBOSINT: ti sei dimenticato di ADULTO: i bambini sono super protetti e vezzeggaiti, per questo ci troviamo una massa di stupidi ae arroganti mocciosetti! Non è un mistero: ma a me i bambini occidentali mi stanno sulle palle, sono figli di questa cultura consumista e femminista!!!

    RispondiElimina
  19. Si è vero che gli immigrati, i drogati, i galeotti e via dicendo non è che stiano messi proprio bene (come la maggior parte dei mebosint del resto...) però è anche vero che queste categori attirano attenzioni da parte di media e società, nonché sono spesso destinatari di aiuti, sovvenzioni e particolari politiche assistenziali e sociali, tutte cose che i mebosint se le sognano!

    RispondiElimina
  20. Non sono d'accordo: i bambini posso essere anche UCCISI dalle donne che poi la fanno franca avanzando qualche scusa del cazzo!
    Quindi non mi sembra che abbiano chissà che trattamento. Sono trattati bene e viziati perché, quando e fin quando LO VOGLIONO LE DONNE in quanto amano giocare con quei "bambolotti" di carne che sono i bambini. Ma se una donna si scoccia di questo può "buttarlo" via quando e come le pare!

    RispondiElimina
  21. Versione un po' estremisitca di una cosa abbastanza vera.

    RispondiElimina
  22. Come è anche vero che il trattamento riservato ai bambini comporta anche un trauma nel passaggio al mondo degli adulti: cresciuti nella bambagia devono poi affrontare le brutalità del mondo senza un'armatura necessaria sviluppata con un po' di disciplina. Per non parlare poi del mondo del lavoro...

    RispondiElimina
  23. E' vero, il sangue te lo fanno buttare sul serio. Riguardo agli invalidi: un invalido non autosufficente prende circa 260 euro mensili di pensione, con il 76% di invalidita, da quello che ho chiesto in giro, mi sembra che le donne spesso hanno il 100% di invalidita più accompagno, quindi più soldi. Se qualcuno mi può smentire.
    Riguardo alla mia materia: il disturbo psichico, nella asl che frequento, gli psicologi, psichiatri è infermieri: la maggioranza sono donne, c'è una disparità impressionante.

    RispondiElimina
  24. E non solo nelle asl, io di maggioranza di donne ne vedo un po' in tutti gli ambienti di lavoro ormai.

    RispondiElimina
  25. Riguardo alla malattia mentale: mi pare che tra maschi e femmine ci sia una parità.

    RispondiElimina
  26. Devo dire che alle donne la malattia mentale si manifesta in ritardo, quindi molte sono sposate e spesso divorziate, quindi dal lato sessuale sono avvantaggiate.

    RispondiElimina
  27. Non vorrei essere pesante con questo argomento del disturbo psichico, che forse interessa a pochi, ma quando si parla di depressione: si dice che colpisca sopratutto le donne, ( magari dopo che hanno ucciso il propio figlio)io non mi fiderei tanto, perche quando si parla di donne, c'è sempre della propaganda, una strizzatina d'occhio, la verità diventa un opzione.

    RispondiElimina
  28. Ma io credo che la questione sia molto semplice: se una donna non gliene tiene di fare niente ed ha comportamenti anomali allora è depressa, se un uomo non gliene tiene di fare niente ed ha comportamenti anomali è uno scansafatiche, pavido, vigliacco, pezzo di merda e chi più ne ha più ne metta.
    Ed ecco che le donne sono più colpite dalla "depressione".

    RispondiElimina
  29. Più che i bambini, destinatari per natura di trattamenti di protezione e trattamenti di favore, direi che i giovani oggi rappresentano un'altra categoria protetta e destinataria di trattamenti speciali. se ne sente parlare spesso, politici e media se ne riempiono la bocca. Poi superata una certa età puoi pure buttarti nel cesso.

    RispondiElimina
  30. Si però direi che è irrilevante. Inoltre voler estremizzare al mia battuta la svilisce. E' piuttosto insulso fare adesso una gara per aggiungere iniziali e categorie.

    RispondiElimina
  31. C'è un buon articolo sul numero di dicembre 2009 di Le Monde Diplomatique intitolato "Ex-delinquenti per reati sessuali sorvegliati a vita in America" che tratta proprio della persecuzione che subiscono gli uomini che hanno scontato pene per reati sessuali negli Stati uniti.

    RispondiElimina
  32. Errata corrige: l'anno del numero di Le Monde Diplomatique è il 1999 non il 2009.

    RispondiElimina
  33. http://www.pariopportunita.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1301:rifiuta-lomofobia-non-essere-tu-quello-diverso&catid=55:campagne-di-informazione&Itemid=122

    Leggendo questo link non posso che approvare questa tuo aforisma. Gli omosessuali addirittura classe privilegiata, sembra.

    RispondiElimina
  34. Molto interessante Wyk, grazie mille.
    Ma io una cosa che nono capito è questa: sarò pur libero di scegliere le mie amicizie e avere i miei gusti e le mie preferenze in fatto di persone da frequentare. Ebbene, scusate, ma metti caso che io gli omosessuali non potessi sopportarli (parlo per esempio, non è il mio caso che assai me ne frega della sessualità altrui se non è fonte di fastidi per la mia persona) ma sarò pur libero di non sceglierli tra le mie compagnie. Perché si vuole per forza imporre qualcosa alla gente?

    RispondiElimina
  35. Io non sono omofobo, non è che se vedo uno/una gli vado a chiedere subito con chi va a letto: ma mi mettono un po' paura certe frasi:

    "L'omofobia è una malattia dalla quale si può guarire."

    Cioé, sleccate di *ulo agli omo per farli contenti o qualcos'altro?

    Questa estate avevo Luxuria in piazza nella mia cittadina che "piangeva e piangeva" raccontando le squallidissime storie di trans e travestiti e omosex, urlando i suoi "mondo crudele!". Non entro nel merito dei suoi latrati, ma è stato interessante vedere la reazione delle DONNE presenti in piazza (pienissima)...c'era chi piangeva, chi ha applaudiva fino a spellarsi le mani, ed io, che non apprezzo né la persona né i contenuti, ala minima critica sono stato SBRANATO dalle avvenenti ragazze presenti.

    Questo mi dà un senso di "sindrome da cicciobello", ossia, l'uomo va bene quando in mezzo alle gambe non ha niente, è piatto, è senza sesso, è eunuco, è prostrato alle (presunte) esigenze del mondo femminile. Non può ribellarsi o avere gusti suoi o atteggiamenti maschili, altrimenti è ostracizzato dalle femmine,se non forse dalla società stessa.Il nuovo modello di uomo, l'eunuco, pronto solo a dire "sì cara", e a cacciare portafogli e/o uccello alla bisogna.


    E cmq, questo era riferito alla "e" di mebosint ....

    RispondiElimina
  36. Io ormai mi tengo a debita distanza da certi eventi.

    In un servizio al telegiornale dissero che un "povero" trans guadagna prostituendosi "solo" la misera somma di cinque mila euro a sera. Io ne guadango 120 al mese attualmente facendo il grafico... ma si sa che noi maschi bianchi etero siamo dei privilegiati...

    RispondiElimina

Posta un commento

AVVISO: Saranno pubblicati solo commenti non deliranti. Grazie per la gentile collaborazione.

Post popolari in questo blog

IL MITO DEL POTERE MASCHILE di Warren Farrell

Gameti e zigote

Maschilismo