Violenza di genere

Secondo le stime ufficiali le donne che hanno subito una qualche forma di violenza in Italia ammontano a 458 milioni, nel mondo invece sono circa 754 miliardi.
Sono stime per difetto, ovviamente, datosi che il 756% non denuncia le violenze subite per paura o per... vergogna.
Molti studi confermano il fatto che per mettere fine a queste violenze bisognerà sterminare tutti gli individui di sesso maschile in quanto per loro natura fautori di violenza.
Il femminismo liberatore ha già progettato di allestire una città polacca di nome Auschwitz con campi di lavoro in cui sfruttare gli individui di sesso maschile fino allo sfinimento fisco o con una doccia al napalm e conseguente trattamento di carbonizzazione delle salme e così via.
Solo con questa soluzione finale della questione maschile (di cui tra l'altro ne abbiamo già qualche esempio storico) il femminismo potrà finalmente inaugurare una società senza violenza fondata sulla pace, sull'amore, sulla democrazia, sulla libertà e soprattutto... anti-nazista.

Commenti

  1. Stando ai dati femministi di Regime, la stragrande maggioranza degli uomini sono violenti in quanto se 15 milioni di donne italiane sono vittime di violenza, di riflesso, significa che almeno 15 milioni di uomini italiani sono violenti, e quindi togliendo i bambini e gli anziani(che costituiscono una buona fetta della popolazione)significa che la stragrande maggioranza degli uomini sono violenti. Ciò significa anche che la stragrande maggioranza degliuomini morti sotto le macerie nel terremoto e dei soccorritori(che hanno strappato tante donne dalle macerie) sono stupratori e maltrattori di mogli. Non capisco, allora, tutti quella solidarietà ed elogi. Bah...

    www.sonoattila.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Già, è proprio questo il messaggio del post.

    Tra l'altro poi non noto neanche la volontà di approfondire le cause che fanno sorgere casi di violenza (quelli veri intendo).

    Si dà per scontato che gli uomini siano violenti e che lo siano perché animati da una presunta voglia di dominare.

    RispondiElimina
  3. Ciao Giubizza. Il tuo blog mi è stato indirettamente segnalato da un admin di wikipedia. In realtà già lo conoscevo, l'avevo vsto qualche tempo fa, ma vedo che ci sono stati ulteriori interessanti sviluppi.

    Condivido molto del tuo pensiero e per questo motivo gli admin di wikipedia mi hanno creduto, da sempliciotti quali sono, che io fossi un tuo clone e mi hanno bannato, come pare abbiano bananto te tempo fa.

    Dall'astio con cui parlano di te si evince la loro incompetenza e faziosità oltre che estrema ignoranza, ignoranza che si riflette nei loro metodi gestionali rozzi, sbruffoneschi e dispotici di quella che dovrebbe essere una fonte di informazione attendibile, ma in mano a tali soggetti credo che questa attendbilità se ne vada a farsi benedire.

    A me non interessa il ban che ho subito, tanto di partecipare a una simile conventicola qual è ridotta wikipedia poco interessa, ma ciò che è grave è appunto l'incompatibilità tra la stupidità e l'ignoranza degli admin e la missione informatrice che wikipedia dovrebbe adempiere. Insomma pare proprio che wikipedia sia un ottimo strumento finito in mani sbagliate.

    Tu che sei avezzo/a (in realtà non so neanche se sei un uomo o una donna :-) ) a redigere articoli non è che potresti scrivere qualcosa al riguardo?

    Grazie, scusa per il post un po' lungo e ciao.

    RispondiElimina
  4. Caro/a Galaxy (neanche io so se sei un uomo o una donna...), grazie per avermi scritto. Io sono un uomo, ho avuto a che fare con wikipedia un paio d'anni fa, ma è stata un'esperienza così traumatica che ho deciso di non averci più niente a che fare.
    A dire il vero fui anche io a usare modi un po' bruschi per far valere le mie ragioni, e in buona parte mi misi dalla parte del torto. Però comunque riscontrai tutto ciò che mi hai appena elencato tu.
    Posso anche cimentarmi a redigere un articolo al riguardo da pubblicare sul mio blog (e magari da suggeriere ad altri blog) e da mandare alle varie testate giornalistiche. Se per caso puoi espormi nei dettagli la tua esperienza inviandomi dati, osservazioni, e informazioni varie al mio indirizzo e-mail giubizza1@alice.it sarà lieto d esaudire la tua giusta richiesta.
    Grazie a te di nuovo e ciao.

    RispondiElimina
  5. Sono girovago tra i Blog, ed anche io riscontro del buono in questo tuo.
    Cordialità, giosinoi.

    http://giosinoi.blogspot.com , se credi puoi inserirmi nelle tue connessioni in sx sidebar, sarà gradito e divulgativamente utile.

    RispondiElimina
  6. Ok Giosinoi, fatto. Ti ho inserito tra i miei link.
    Grazie per il tuo interessamento. Un salutone.

    RispondiElimina
  7. Bellissimo blog!
    Io sono un utente wikipedia e devo dire che capisco perché sei stato bannato: le tue precise argomentazioni erano troppo scomode per gente gretta e di mentalità chiusa e bigotta come sono gli admin coglioni di wikipedia.
    Ti faccio un in bocca al lupo.
    Ciao

    RispondiElimina
  8. Grazie anonimo :P

    Io con wikipedia non c'ho più a che fare da quasi due anni ormai e non voglio più averci a che fare.

    Di nuovo ti ringrazio e in bocca al lupo anche a te.

    RispondiElimina
  9. Le donne fanno violenza continua, gia quando ti guardano con la pretesa che devi essere tu a fare il primo passo, che poi alla fine li devi fare tutti, che dovresti essere te a pagare, a guidare, oggi lavorano anche le donne, ma secondo me, un pò di anni fà, se un uomo non portava i soldi a casa non faceva l'amore, come cantava Claudia Mori, e Celentano in una sua trasmissione disse che le donne sono Rock e l'uomo è lento: ma vaff....
    Veniamo da una cultura medievale in cui i cavalieri combattevano per una dama, che aveva anche i suoi cicisbei (cavalieri serventi), l'uomo deve immolarsi per le gentili signore, come si dice quando una nave affonda: prima le Donne e i bambini.

    RispondiElimina

Posta un commento

AVVISO: Saranno pubblicati solo commenti non deliranti. Grazie per la gentile collaborazione.

Post popolari in questo blog

Gameti e zigote

IL MITO DEL POTERE MASCHILE di Warren Farrell

Maschilismo