Gameti e zigote


Secondo alcuni abortisti una coppia qualsiasi ovulo-spermatozoo non ancora uniti contiene già in sé tutta l’informazione che serve per la costruzione di un nuovo esemplare, esattamente come la stessa informazione è contenuta nell’embrione che essi formano. In altre parole, una qualsiasi coppia ovulo-spermatozoo ha la stessa “dignità” biologica dell’embrione, nel senso che è ad esso biologicamente equipollente.

Vediamo un po’ la fallacia di questa “brillante” osservazione. Ciò che dirò è rivolto a coloro che, a mio avviso giustamente, si rifanno al DNA come parametro prioritario per stabilire l’esistenza di un nuovo individuo umano in quanto criterio più essenziale e soprattutto più certo e stabile per stabilire l’esistenza di un dato organismo vivente, la sua caratterizzazione e l’appartenenza a una specie. Tutti coloro che invece si rifanno ad altri criteri che non mi va neanche di elencare e che, molto prosaicamente, ritengono il parametro genetico come un “dogma”, affidandosi a dogmi a loro più congeniali al fine di giustificare la barbarica pratica dell’aborto, non mi interessa neanche più discutere, tanto è completamente inutile. Che si tengano pure le loro convinzioni, affari loro.

Spesso faccio uso dell’esempio dell’acqua e dei suoi due elementi separati, ossigeno e idrogeno, per spiegare il fatto che due elementi separati non sono la stessa cosa di un composto completo formato da questi due elementi. Non mi disseterò certo bevendo un terzo di bicchiere di ossigeno e due terzi di idrogeno perché questi non sono la stessa cosa di un bicchiere d’acqua. Con questo esempio preso dalla chimica non è che intendo asserire che due parti di DNA che si uniscono cambiano la natura chimica del DNA. È ovvio che non è così. È ovvio che il DNA è sempre acido desossiribonucleico sia che si trovi in due cellule gametiche che nello zigote. Ciò che intendo dire è questo:

1. innanzitutto c’è una differenza ontologica che da sola basterebbe a inficiare tutte le strampalate teorizzazioni abortiste, cioè che due gameti separati costituiscono cellule di due organismi adulti mentre una volta uniti costituiscono una nuova cellula non riconducibile a nessun altro organismo già esistente e quindi un nuovo organismo, un nuovo individuo vivente. E, datosi che nessun essere vivente non appartiene a una specie, questo apparterrà alla specie da cui provengono i suoi genitori, la specie umana. Direi che non è irragionevole asserire che un organismo vivente che fa parte della specie umana sia un essere umano…

2. c’è una differenza anche di tipo “statistico” nel senso che quando si parla delle due sezioni di DNA separate si parla non di un essere vivente reale ma di un ipotetico spermatozoo e magari anche di un ipotetico ovulo. Quando si parla di uno zigote si parla di uno zigote vero e reale che esiste davvero e non una mera ipotesi, una mera potenzialità;

3. infine, come avevo già accennato in precedenza, il genoma non è solo una questione di mera “informazione” ma è questione di struttura (non chimica che è sempre quella). Che poi questa struttura comporta anche la connotazione dell’informazione genetica questa è una cosa insita nella natura stessa del DNA. C’è quindi una differenza strutturale tra due sezioni di DNA separate e il DNA risultante da queste due sezioni che si uniscono.
La struttura-informazione del DNA dei due gameti separati è diversa da quella dello zigote sia in senso statico che dinamico. In senso dinamico perché le interazioni che avvengono tra due DNA separati non sono le stesse di quelle che avvengono nell’ambito di un unico genoma completo quando questi due DNA si riuniscono in un unico DNA. In senso statico perché nel riunirsi le due sezioni di genoma danno luogo a un patrimonio genetico nuovo. Posso fare un esempio molto semplicistico per evidenziare questo fatto.
Supponiamo di avere due organismi viventi a riproduzione sessuata con una struttura genetica molto semplice, ognuno dei genomi dei due organismi è composto da appena due coppie di geni che sono i seguenti (ATTENZIONE: le lettere non si riferiscono alle basi azotate del DNA, ma vogliono solo indicare i singoli geni):

primo organismo: |A-B C-D|
secondo organismo: |E-F G-H|

i gameti di questi due organismi saranno pertanto:

gameti del primo organismo: |A C| |B C| |A D| |B D|
gameti del secondo organismo: |E G| |E H| |F G| |F H|

Adesso i due organismi si accoppiano e generano un figlio che sarà composto, per semplicità, dal primo gamete di ognuno dei due genitori, ossia: |A C| e |E G|.
L'organismo figlio avrà quindi il seguente genoma: |A-E C-G|.

Ora secondo voi i due patrimoni genetici |A C| e |E G| sono la stessa cosa di quello completo |A-E C-G|? A me non sembrerebbe proprio. E questo anche a prescindere dal fatto che i singoli geni, seppure qui sono indicati con lettere differenti, siano uguali tra loro. Il fatto stesso che un genoma è REALEMENTE completo e non solo IPOTETICAMENTE fa si che siamo in presenza di un nuovo organismo REALMENTE ESISTENTE.
Inutile mettere la parola “dignità” tra virgolette evidenziando una pessima “ironia”, come è ormai inutile spiegare perché le “teorizzazioni” filoabortiste fanno uso di “ragionamenti” contorti basandosi su una pseudologica con la quale, tra le tante cretinate che dicono, prima pretendono di mettere, con pseudoargomentazioni, gameti e zigote sullo stesso “livello” per poi concludere che non avrebbe senso attribuire a un nuovo organismo umano gli stessi diritti di un essere umano che si trova in una fase di sviluppo in cui è conveniente (agli scopi permissivi nei riguardi dell’aborto) riconoscere tali diritti per il motivo che questo zigote… è la stessa cosa dei due gameti che lo hanno formato!
Inutile precisare anche che un essere umano è sempre un organismo, anche da adulto…

Esseri umani non lo si "diventa", esseri umani lo si è fin dal principio, dall'inizio dell'esistenza. E il nostro inizio, la nostra origine sta proprio in quella cellulina chiamata "zigote", lì c'è già tutta la nostra umanità con tutto ciò che ne consegue. Questa cellula è un qualcosa di essenzialmente, ontologicamente e biologicamente diversa dai due gameti che l'hanno formata.
Le paraculate abortiste usano tutti i contorcimenti paralogici immaginabili pur di negare questo fatto e pur di negare il fatto che l'aborto è una pratica barbarica perpretata legalmente da quelle società che hanno la presunzione di ritenersi i "lumi" della civiltà moderna. E quando sono alle strette affermano che l'esposizione di questi dati di fatto è "demagogia". Già, infatti sostenere la sacralità della vita umana è demagogia, proprio così.

Commenti

  1. Post complesso, ma illuminante. In fondo, penso che gli abortisti siano costretti a delle IMMANI paraculate e a IMMANI balletti pseudologici, perché, l'etica abortista è l'etica ultra-utilitaristica, di stampo squisitamente Maltusiano.

    Dall'interessante sito di Paolo Malerba ti riporto un link su Malthus, che forse conoscerai.

    http://www.paolomalerba.it/politica/Testi/Malthus.htm

    Ecco, tutte le immani PIPPE che gli abortisti tirano fuori (più o meno sempre quelle), sono basate sui concetti espressi dal "buon vecchio" Maltuhs (diciamo che lui li ha espressi al meglio, esistevano pure prima).

    Detto molto rozzamente:

    Le nascite DEVONO ESSERE controllate, altrimenti si è tutti poveracci. Se invece siamo di meno, c'è "più roba" da spartirsi, e si sta tutti meglio, i ricchi diventano iper-ricchi, ma i poveri non sono poi "così-poveri".

    La difesa dell'assurdo "diritto all'aborto" (che è come dire - diritto all'assassinio), è figlio di questa "grande idea razionalista".

    La cosa forse un po' ridicola è il COME questa società postindustriale ha messo in moto queste teorie Malthusiane:

    a) liberalismo sessuale sbandierato a tutti i costi : scopate, scopate, godete ma NON PROCREATE (possibilmente, diventate bisessuali o gay! Non è peccato e si gode di più!)

    b) riempire la (debole) mente femminile con TONNELLATE di letame femminista, in modo da rendere la procreazione una totale e unilaterale CONCESSIONE da parte delle donna - che notoriamente è EGOISTA MARCIA e combina solo casini nelle mediazioni e nelle negoziazioni, di qualsiasi genere esse siano, compresa quella sessuale.

    c) Rendere la maternità e la paternità degli status sociali un po' "da sfigati".

    RispondiElimina
  2. "Malthus predicava quindi il controllo demografico e fece una rozza analisi di mezzi che potevano attuarlo, dividendoli in due categorie: repressivi (che aumentano l'indice di mortalità: epidemie, guerre, carestie, etc.) e preventivi (che diminuiscono l'indice di natalità - vizio cioé appagamento sessuale irregolare: adulterio, sodomia, etc. - e "moralità" [astinenza sessuale])."

    Mettiamoci pure "aborto" vah, Malthus , da ipocritissimo prete puritano, non arrivò a tanto, ma forse perché non ci aveva pensato....

    RispondiElimina
  3. Forse ai tempi di Malthus l'aborto non era una cosa tanto conosciuta. Ma non saprei dirlo con sicurezza perché a dire il vero non conosco la storia delle pratiche abortive.

    Però in effetti è strana la coincidenza che oggi, nonostante che a livello scientifico le teorie di Malthus siano state quasi del tutto confutate, costui è ancora l'ispiratore di una molteplicità di politiche sociali...

    Che poi il fatto che se c'è meno gente c'è più roba da spartirsi è una fesseria cosmica che sa di calcoletto delle elemntari e che è stata ultramegasmentita. Del resto questa "roba" da spartirsi da dove viene? Chi la produce?

    RispondiElimina
  4. Ciao, io sono anti-abortista... penso che chi ha veramente a cuore la vita, dovrebbe rispettare la vita di tutti, animali e ambiente compresi (le questioni di razza le giudico una vigliaccata e ipocrisia). Però c'è una cosa che secondo me è sbagliata: è tentare come fa la scienza o la chiesa, di tirare un "rigo" su qualcosa che è invece in via creazione, e come per natura, qualcosa di più sfumato ma non per questo meno importante. In definitiva non mi metterei a giocare a fare il Dio su cosa è un essere umano e cosa non lo è, tral'altro suscitando l'ironia o lo sdegno da pare di chi vede le ipocrisie dei pseudo-sostenitori Pro-Life, mi batterei piuttosto per far capire l'immensità del valore della vita in tutti i suoi aspetti, nella natura, vegetali e animali. E noi come specie umana dotati di coscienza abbiamo maggiore responsabilità verso tutte queste parti del tutto, figuriamoci verso noi stessi.
    Uno zigote è uno zigote, non umano ma nemmeno una cellula... ma non importa, l'importante è amare "il tutto" e impedire che si perpetuino violenze verso la vita.

    RispondiElimina
  5. Capisco quanto dici però vorrei fare qualche precisazione. Prima di tutto che lo zigote sia una cellula è un dato di fatto, precisamente un essere umano allo stato unicellulare.
    Per il resto non sono del parere che l'Uomo debba sobbarcarsi la responsabilità di altre forme di vita. La società umana è fatta dagli uomini per gli uomini. E l'Uomo deve tutelare i propri interessi. Certo che tutelare l'ambiente è cosa saggia, ma proprio perché rientra negli interessi della specie umana in quanto dall'ambiente in cui viviamo dipende il nostro benessere.
    In definitiva sostengo una visione piuttosto antropocentrica.

    RispondiElimina

Posta un commento

AVVISO: Saranno pubblicati solo commenti non deliranti. Grazie per la gentile collaborazione.

Post popolari in questo blog

IL MITO DEL POTERE MASCHILE di Warren Farrell

Maschilismo