Altre notizie sul sistema danese

Qui in DK non c'e' nessuno che dorme alla stazione...
tutti hanno diritto infatti ad una sistemazione .
Il 25% delle case e' del comune che decide a chi assegnarle . Ovviamente prime in lista famiglie con bambini , e per chi ha gia' una casa , o e' single l'attesa sara' piu' lunga , ma esiste una graduatoria e di diritto la casa spetta e viene assegnata a tutti, qualora si sia fatta regolare domanda .
Ho anche una certa esperienza personale a riguardo, sia per la prima casa assegnatami quando arrivai in DK , che per uno sfratto dovuto a cause non dipendenti direttamente da me.
Sono ben informata dal comune stesso sul sistema delle graduatorie, non so a cosa si riferisce la persona che scrive che in DK non c'e' diritto ad una casa.

Riguardo l'assicurazione da pagare durante la fase lavorativa , e' solo una delle due opzioni, e non e' obbligatoria, infatti anche non pagando questa assicurazione(che si aggira attorno alle 800kr mensili e non tutti possono permettersela) si ha diritto ugualmente dopo 6 mesi , adesso non so' se abbiano spostato un anno ma non credo ..ad un assegno (la sociale) in base alle proprie spese di affitto e del mangiare, piu' un ulteriore aiuto per l'affitto, il cosidetto Bidrag , si arriva quindi attorno ai 1500 euro come dicevo...
certo il Bidrag non e' assegnato a chi ha un lavoro con un reddito medio alto, ,e' possibile che molti non ne siano a conoscenza proprio per questo , in genere e' il comune stesso ad avvisare qualora si rientri nella fascia che ha diritto al Bidrag .
Tutti quelli che percepiscono la sociale, o che hanno uno stipendio minimo conoscono sicuramente il Bidrag.

Lo stato danese da come si puo' leggere sui libretti informativi accessibili a tutti , fa ogni tentativo per integrare le famiglie nel proprio paese di origine , qualora fosse possibile,appunto se c'e' una base,questo dpo il primo anno di asilo . E non accettarli qualora non rientrino nell'ordinanza delle proprie leggi sull'immigrazione e sull'aiuto dei profughi, leggi che sono tra le piu' civili del mondo...in Italia ed forse anchbe altrove li rimbarcano in massa...! Qui queste cose non esistono...certo una persona che e' nata e vive qui, fa una sua valutazione , diversa da uno straniero che conosce ed ha vissuto un altro tipo di esperienze.
Certo sarebbe bello ospitare tutti coloro che chiedono rifugio, purtroppo si corre il reale rischio che alcuni di coloro che conoscono il sistema ( spesso tra famiglie cbhe vivono qui e quelle rimaste nei paesi di origine c'e' il passa parola) detto scherzosamente da molti del "paese dei balocchi" , non abbia un'effettiva necessita' di spostarsi, ma per molti e' un modo per sfruttare il sistema danese, e lo stato danese ne e' al corrente , pere questo adotta le misure per arginare questo tipo di problema.
Per fortuna chi ha fatto le leggi in questo paese lo ha fatto coscienziosamente e nel rispetto di tutte le culture . Si trova forse solo negli Stati Uniti una cosi' numerosa e variegata mescolanza di razze , non si puo' dire che non sia un paese ospitale, ovviamente deve continuare a garantire , se non migliorare , il sistema ed i diritti di tutti i cittadini che vi abitano.
La migliore garanzia e' di trovare lavoro in DK. La Dk aiuta concretamente tutti i suoi cittadini , grazie al sistema delle tasse, che garantisce uno stipendio a tutti .

Un'italiana in Danimarca

Commenti

Post popolari in questo blog

IL MITO DEL POTERE MASCHILE di Warren Farrell

Gameti e zigote

Maschilismo