FICLESC

Sabato 30 giugno e Domenica 1 luglio 2007 scorsi c'è stato il primo incontro nazionale con tutti quelli che, armati di buona volontà, vogliono cambiare le cose attraverso l'introduzione di monete locali non portatrici di debito.
All'incontro erano presenti ben 40 persone da tutta italia e con estrazioni sociali diverse.
In merito alle due esperienze praticate sul territorio di Roma e Napoli (Ecoroma e Scec) stiamo progettualizzando un coordinamento nazionale per introdurre delle monete locali ma esistono delle divergenze a carattere tecnico.
Purtroppo il sistema giuridico ci permette esclusivamente di interagire attraverso lo strumento dello "Sconto Mercantile".
Infatti le esperienze di Roma e soprattutto di Napoli hanno avuto interessanti sviluppi in merito.
In sostanza si tratta di uno sconto di economia solidale e locale che cammina all'interno del circuito di un'associazione di liberi cittadini.
O meglio, l'esercente che lo riceve lo può, anche lui, far circolare questo sconto come strumento econometrico per le sue necessità.
Poiché le discussioni sono molte e l'obiettivo è quello di creare una politica comune e replicabile per eventuali nuovi associazioni, ho sentito l'esigenza di affidarmi alla sua esperienza per avere dei consigli e delle delucidazioni in merito.
Sostengo a pieno il pensiero del reddito di cittadinanza e quello della fiscalizzazione sulla massa monetaria, quindi avrei voglia di discutere con lei su come introdurre questi principi attraverso lo strumento dello sconto che cammina che di per se già sostiene il peso del condizionamento dell'euro a causa dei costi fissi delle attività.
Il primo passo è metà dell'opera.
Ernesto


Il problema monetario è vitale a livello mondiale.
Se le emissioni monetarie avessero seguito le leggi dell’etica e del diritto, ci troveremmo di fronte ad un capolavoro di ineguagliabile utilità.
Nel mondo, a fianco dei beni reali, in continua produzione, sono state create grandi masse monetarie godenti la fiducia di intere comunità, e contemporaneamente sono stati formati i prezzi dei prodotti del mercato.
Con ciò ha potuto progredire lo sviluppo economico mondiale che, senza denaro, non aveva altra possibilità che quella del baratto.
Per chi ignora la truffa del signoraggio il sistema monetario appare altamente positivo ed indispensabile per il proseguimento della vita sulla terra.
Noi sappiamo che le emissioni monetarie creano dal nulla valore (e questo sarebbe l’aspetto positivo), ma lo creano a favore di banche private che lo concedono in prestito dietro interessi che mai potranno essere estinti.
Teoricamente la soluzione del problema è molto semplice e consiste nel far sapere della truffa ai Cittadini, detentori della Sovranità Monetaria.
In pratica però la cosa diventa pressoché impossibile a causa del monopolio dell’informazione da parte della lobby delle banche di emissione.
A mio avviso non resta altra strada che quella della comunicazione interpersonale, prevalentemente via Internet, con fornitura ai cittadini di dati semplici e chiari, circa la pericolosità dell’attuale situazione di signoraggio nei confronti della prosecuzione dello sviluppo positivo della vita sulla terra.
Se la informazione interpersonale venisse praticata con serietà e costanza, con la conseguente crescita esponenziale, in tempi non eccessivamente lunghi, si potrebbe conseguire l’obiettivo.
Molto lavoro è stato già fatto in tal senso.
La via delle monete locali, pur apprezzabile e feconda di qualche risultato positivo, non potrà mai sostituire l’azione di informazione generale, di cui sopra.
Se finora le cose sono andate a rilento è perché si è affrontato il problema dal lato accademico e non da quello del comune sentire.
Bisogna cristallizzare delle formule efficaci e costanti, capaci di colpire l’interesse dei cittadini ed attecchire permanentemente nelle loro Coscienze.
Tutto il lavoro teorico svolto finora va considerato come facente parte della ricerca preliminare per il conseguimento di quelle certezze da trasmettere ai Cittadini.
Ora possiamo dire che tale ricerca possa considerarsi conclusa e quindi è necessario passare al martellamento delle comunicazioni interpersonali, con la creazione anche di volantini dai contenuti estremamente sintetici e di immediata presa emotiva.
In tale lavoro occorre rinunziare ad ogni personalismo e mettersi umilmente al servizio della Causa.
Io mi sforzerò di lavorare in tal senso.
Molto lavoro è contenuto nella mia pagina
www.bellia.com .
Recentemente sono stato contattato dal gruppo di Amici di Beppe Grillo che hanno promesso di venirmi a trovare per coordinare le nostre azioni nella direzione che ci interessa.
Qualora ti fosse possibile potresti venire a trovarmi a Tarquinia per un approfondito scambio di idee e l’avvio di una eventuale collaborazione.
Alla presente allego due planimetrie per raggiungermi dall’Aurelia.

Nicolò Giuseppe Bellia

FEDERAZIONE ITALIANA COMITATI LOCALI EMISSIONE SCONTI DI CITTADINANZA

Raccoglie le esperienze dei Comitati già operanti e li fornisce ai Comitati in via di costituzione.

* * *

SCONTI DI CITTADINANZA

Sono emessi annualmente su richiesta ed ordine degli Associati.
Sono accettati dai Negozi Convenzionati Locali della Federazione Nazionale.


SCOPO FINALE

Arrivare, prima possibile, all'Emissione Monetaria Diretta per il Reddito di Cittadinanza Universale ( Progetto Antropocratico
www.bellia.com )


INFORMAZIONI ASSOCIATI

Sono fornite dai Comitati via Internet, direttamente o presso recapiti.
Riguardano anche l'elenco dei Negozi Convenzionati con elenco prodotti ed iniziative estemporanee.


NEGOZI CONVENZIONATI

Concordano coi Comitati la percentuale di sconto.
Comunicano l'eleco dei Grossisti da coinvolgere nella Convenzione di Sconto in modo da rendere spendibili, presso di essi, dai Negozianti gli sconti incassati.

GROSSISTI CONVENZIONATI

Costituiscono l'inizio della catena dei benefici di sconto degli Associati.

* * *

Un abbraccio, Nicolò

Commenti

Post popolari in questo blog

Gameti e zigote

IL MITO DEL POTERE MASCHILE di Warren Farrell

Maschilismo